Your cart is empty!
View Cart Checkout
Cart subtotal: 0.00€

Gli amanti dei libri

Salone_ON_home

Leggi Tutto

Da una forte passione può nascere un progetto coraggioso quanto unico. Federico Anselmino, Mauro Cini e Claudio Col hanno dato vita ad Aviation Collectables Company, giovane casa editrice torinese nata nel 2013, specializzata in pubblicazioni di aeronautica, che puntano l’attenzione sui mezzi aerei utilizzati dalle nostre Forze Armate, dai Corpi dello Stato e dall’aviazione commerciale. Aviation Collectables Company. Il vostro nome si rifà indubbiamente al mondo dell’aeronautica, svelando sin da subito un forte interesse per il volo e l’aviazione.

Da chi e come nasce l’idea di un progetto come questo, unico nel suo genere?

Innanzitutto spendiamo due parole sul nome scelto per la nostra casa editrice: Aviation Collectables Company. L’obbiettivo che volevamo raggiungere era quello di trovare più che un nome un “marchio” che identificasse degli appassionati collezionisti di aviazione nella forma più ampia del significato, ma volevamo che fosse anche in inglese perché il mercato anglosassone è il più evoluto e quello che conta il maggior numero di appassionati di aeronautica, poi volevamo qualcosa di particolare che indicasse anche noi tre, così è nata l’idea di Aviation Collectables Company, roboante nome che altro non è che Anselmino Cini Col, cioè le iniziali dei nostri cognomi! L’idea di unire le forze per provare questa avventura ha un papà, ma come per tutte le cose che facciamo non lo citiamo perché siamo in tre, e a tutti e tre attribuiamo in egual misura successi ed insuccessi, idee geniali e banali, insomma siamo tutti e tre una sola cosa: Aviation Collectables Company. Per essere seri, siamo tutti e tre appassionati di aviazione fin da quando avevamo i “calzoncini corti”, da sempre giriamo per aeroporti a fotografare aeroplani, da sempre acquistiamo libri e riviste di aviazione e alcuni di noi, in passato, hanno già avuto esperienze come autori di libri e di articoli di aviazione su riviste specializzate. E’ nato tutto così, quasi per gioco, quando una sera, davanti ad una pizza, è uscita la magica frase “ragazzi ma perché non proviamo a fare gli editori di noi stessi?”… un brindisi ed eccoci qui.

Fermo restando che il mondo dell’aeronautica, a mio giudizio, sia affascinante ma, allo stesso tempo, dal punto di vista editoriale almeno, poco esplorato, quali sono le sfide che una giovane casa editrice deve affrontare per “prendere il volo”?

In Italia non sono molti gli editori che pubblicano esclusivamente libri di aviazione, il mercato non è vasto, ma credevamo, e crediamo, di avere i numeri per essere parte importante di questo mercato. La sfida più grossa è stata all’inizio, scoprire un mondo, quello dell’editoria, per noi assolutamente nuovo, ci siamo mossi senza nessun tipo di aiuto esterno, basandoci esclusivamente sulle nostre passate esperienze di autori, usando fantasia e buon senso, avendo sempre chiaro il risultato finale: il libro che avremmo voluto acquistare noi per primi! Volevamo pubblicare dei libri interessanti sia per Inesperto” ma anche e soprattutto per chi si è avvicinato da poco all’affascinante mondo dell’aviazione, quindi per il “neofita”. Volevamo editare dei libri come avremmo voluto trovare in libreria, cioè libri con un prezzo abbordabile (fattore ancora più importante in questo momento di forte crisi), libri con un corredo iconografico importante ma con poche foto “ufficiali” sfruttando i nostri archivi e quelli di appassionati come noi, libri esaustivi senza che diventassero un lungo elenco di termini tecnici o un noioso elenco di date e matricole. Volevamo dei libri che potessero trovare spazio nella libreria di chi ama guardare belle fotografie, ma anche in quella di chi ama conoscere la storia dei velivoli, di chi ama costruire modellini in scala, di chi vuole conoscere l’impiego di velivoli prodotti in serie limitate o utilizzati per brevi periodi o non così famosi da essere già stati trattati da altri autori/editori. La sfida più difficile è stata quindi quella di trovare il giusto equilibrio tra tutte queste esigenze che per noi erano, e sono, inderogabili. Dulcis in fundo, volevamo libri che fossero in grado di raccontare la poco conosciuta storia dell’aviazione in Italia anche all’estero e per questo tutte le nostre pubblicazioni sono rigorosamente bilingue in italiano e in inglese. Oggi, ci perdonerete un po’ d’orgoglio, possiamo dire di essere sulla buona strada, stiamo pubblicando una collana di monografie dedicata a velivoli che hanno servito o prestano tutt’ora servizio con l’Aeronautica Militare italiana ma è nostra intenzione ampliare la gamma a velivoli delle altre Forze Armate, dei Corpi dello Stato e civili; l’anno scorso abbiamo pubblicato il libro ufficiale sulla storia della Aviazione Navale nell’anniversario dei cento anni, inaugurando una collaborazione con la Marina Militare che ci auguriamo possa avere ulteriori sviluppi.

Il vostro pubblico è composto sicuramente da appassionati di aviazione. Vi sono altri scenari verso cui si rivolgono le vostre pubblicazioni?

Pubblicando libri di aviazione è naturale che la platea a cui ci rivolgiamo sia principalmente quella degli appassionati però esiste un importante mercato di “modellisti” cioè di persone che amano montare, verniciare, ambientare soggetti di qualsiasi tipologia, siano navi, aeroplani, soldatini, carri armati o automobili, per cercare di raggiungere questo potenziale mercato nei nostri libri c’è anche un capitolo dedicato agli amici modellisti che gli aiuta nel montaggio di un modello del velivolo oggetto della monografia.

Giovani ma molto coraggiosi! Quali sono – se ci sono – i progetti in cantiere per Aviation Collectables Company?

Se parliamo di anagrafica il termine “giovani” forse non è il più adatto essendo tutti e tre sulla cinquantina, ma se parliamo di età della casa editrice e di entusiasmo allora si che siamo e ci sentiamo giovani! Idee Aviation Collectables Company ne ha molte, alcune le abbiamo già realizzate, come la produzione di stampe, che abbiamo chiamato “Aviation Print”, riferite ad alcuni velivoli che e lo scoprirete poco alla volta!

Nonostante giochiate in casa, prendere parte all’lncubatore sarà sicuramente un’importante occasione di confronto. Che aspettative avete dalla partecipazione a questa edizione del Salone del Libro di Torino?

E’ vero che giochiamo in casa perché l’importante evento del “Salone del libro” si tiene a Torino, ma il nostro pubblico, quindi il nostro mercato è l’Italia e, come accennato prima, il vasto mercato anglosassone. Da questa manifestazione ci aspettiamo innanzitutto di imparare, di conoscere altre realtà piccole ma determinate come noi, di addentrarci sempre di più nel mondo dell’editoria, perché no anche digitale, che per noi è ancora in gran parte sconosciuto e di tornare a casa “ricchi” di idee e con ancora più voglia di andare avanti con questa stimolante avventura che si chiama Aviation Collectables Company.

MB-339

Leggi le recensioni

RA_01

La nuova monografia dell’Aviation Col­lectables Company è dedicata al celebre “Macchino”. Quella del “339” è una storia che parte dal lontano 1972, quando il Mi­nistero della Difesa emise una specifica per la realizzazione di un nuovo addestratore a getto. La Fiat presentò un modello ag­giornato, soprattutto per la componente avionica, del G.91, che venne però scar­tato. L’Aermacchi, con la firma dell’ing. Er­manno Bazzocchi, mise in campo il pro­getto MB339 con sei differenti formule aerodinamiche e propulsive, pesi diversi e prestazioni, autonomia e manovrabilità che variavano da versione a versione. Ad aprile del 1982 l’addestratore avan­zato dell’Aermacchi, l’MB.339A, sostituì l’MB.326 nell’allora SVBIA (Scuola Volo Basico Iniziale Aviogetti) di Galatina (Lecce) e da più di trent’anni il velivolo ha contribuito a brevettare migliaia di piloti dell’Aeronautica Militare. Entrato in ser­vizio con l’Arma Azzurra, il “339” venne anche convertito nella sua configurazione armata e poco tempo dopo venne indivi­duato come sostituto del G.91 per le “Frecce Tricolori”. In configurazione PAN, il “339” è lo stesso velivolo da addestra­mento con l’impianto fumogeno alimen­tato da due serbatoi alari. Più facile da pi­lotare rispetto al suo predecessore, il nuovo velivolo di costruzione italiana ha consentito di avere una formazione acro­batica più spettacolare: grazie al “Mac­chino” la PAN ha scritto, probabilmente, le pagine più intense della sua storia. Il nuovo lavoro di Marco Tomassoni riper­corre tutti i momenti più significativi della storia del “339”, con numerose fotografie a corredo, che impreziosiscono il volume. Con i contenuti proposti anche in lingua inglese la storia del velivolo italiano è rac­contata anche nel suo impiego da parte delle aeronautiche straniere: degno di nota è l’utilizzo del “339A” da parte dell’Argentina nel corso della guerra delle Falklands-Malvinas e, nella versione CE, dal 1998 al 2000, da parte degli eritrei contro gli etiopi.

AD_01_01

Squadra che vince, talvolta, si cambia, seppur in minima parte. La collana intitolata “ltalian Aviation Series” e dedicata agli aerei dell’AM nel dopoguerra, è intatti ormai quasi un appuntamento fisso in questa rubrica di recensioni. Ma i nostri lettori, che ormai avranno familiarizzato con i nomi degli autori, troveranno qui qualche “new entry”: i testi sono infatti di Marco Tomassoni, che si occupa anche delle note modellistiche (nei precedenti volumi appannaggio di Claudio Col) e della traduzione in inglese (assieme allo stesso Col). Mauro Cini, che sugli altri numeri della collana si occupava dei disegni, qui è affiancato da Marco Steffanoni. Infine Federico Anselmino, che era il principale autore dei volumi precedenti, qui rimane in qualità di impaginatore e fornisce illustrazioni del suo archivio privato. La veste grafica, infine, rimane quella già tracciata da Anselmino, Cini e Col per gli altri titoli. Non troviamo, questa volta, la collaborazione ai testi di Giancarlo Gastaldi. Detto ciò, veniamo al nuovo “protagonista” della collana, dopo il Panavia “Tornado” IDS/ECR, l’AMX “Ghibli”, l’F-16 ADF, il bimotore G.222 e lo storico addestratore Lockheed T-33 “Shooting Star” gli autori si sono focalizzati sull’Aermacchi MB-339A, che raccoglie oggi proprio una parte dell’eredità concettuale e filosofia del T-33; tra i due modelli ci fu l’importante MB-326, che ci auguriamo di vedere presto protagonista di una delle prossime uscite di Aviation Collectables.
Anche stavolta non mancano gli ingredienti che hanno caratterizzato questa collana, cura grafica, precisione storica, disegni di ottima qualità e foto di notevole impatto.

AAA

La collana “Italian Aviation Serie” prosegue con l’Aermacchi MB.339, ultimo progetto di Ermanno Bazzocchi portato in volo. Il testo, bilingue, segue cronologicamente lo sviluppo e l’impiego del velivolo, soprattutto presso il 61° Stormo, con un ampio corredo d’imma­gini, tutte a colori e spesso poco note: si pas­sa così dall’iniziale livrea bianco-arancione (cosiddetta “Marlboro”) alla successiva NATO e infine all’attuale grigio. L’accento è soprat­tutto sugli aspetti tecnici e degli equipaggia­menti, con scarni dettagli sull’attività in sé. Nonostante il titolo, il volume tratta comun­que l’intero servizio italiano della famiglia MB.339, compresi l’allestimento PAN, l’ag­giornamento MLU e i CD con avionica digi­tale. Prototipi e dimostratori (dal monoposto K al JPATS) ed esportazioni sono riepilogate in sei pagine fotografiche. L’origine spotteristica è evidente nelle pagine dedicate alle principali livree speciali, mentre ai modellisti sono dedicate numerose pagine di dettagli, commenti al montaggio di un kit e otto pro­fili a colori. Mancano, come negli altri titoli della collana, i disegni tecnici. Il risultato è un prodotto aggiornato e complessivamente equilibrato.

Sezione

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

C-130J

Leggi le recensioni

RA_01

Non vi è dubbio che il programma C-130J abbia permesso all’Aeronautica Mili¬tare, e in particolare alla 46* Brigata Aerea di Pisa, di dotarsi di un vettore affidabile e polivalente che è diventato, nei 14 anni dall’entrata in servizio, l’ossatura portante della componente da trasporto della Forza Armata. Il velivolo, entrato in linea operativa il 18 agosto del 2000, non ha soltanto sostituito la versione “H”, protagonista di numerose missioni in tutto il mondo, ma ha soprattutto incrementato le capacità del trasporto aereo, con un forte impulso alla specialità e un deciso innovamento dei compiti e ruoli. Con il traguardo delle 130mila ore di volo, raggiunto da un “130J” di Pisa lo scorso 12 dicembre, l’aeroplano ha dimostrato in modo definitivo di essere diventato un punto di riferimento nel set¬tore, versatile e sicuro in tutte le aree in cui è stato impiegato, dai climi più rigidi delle latitudini artiche a quelli roventi delle regioni desertiche. Il C-130J è un quadriturbina da trasporto in grado di realiz¬zare missioni di aviolancio di uomini e ma¬teriali, impiegato dalla 46° sia nella ver¬sione standard sia in quella allungata “J-30”. L’Aeronautica Militare è stata la prima forza aerea a utilizzare il vettore in teatro operativo, già agli inizi del 2001, per assicurare i collegamenti durante la crisi dei Bal¬cani. Nel mese dì marzo dello stesso anno nell’ambito dell’operazione UNMEE (United Nations Mission in Ethiopia and Eritrea) fu realizzato anche il primo trasporto sanitario speciale, creando all’interno della fusoliera, un ambiente in grado di accogliere una giovane donna ustionata in modo grave. La flessibilità del C-130J ha consen¬tito, infatti, di do¬tarlo di particolari equipaggiamenti la cui utilità va oltre lo stretto impiego mi¬litare: un esempio per tutti, l’ATI (Aircraft Transport Iso¬lator), la speciale barella che con¬sente il trasporto in sicurezza e in modo tempestivo di pazienti biocontaminati verso | strutture ospeda¬liere specializzate. Tra le capacità del 130J vi è anche quella del rifornimento in volo: il KC-130 è la versione “tanker” dell’aero¬plano da trasporto, anche questo in linea operativa presso la 46° Brigata Aerea di Pisa, che, equipaggiato con due sistemi a sonda flessibile montati sulle ali, riesce a rifornire due coppie di velivoli in meno di 30 minuti.
Questa nuova monografia dell’Aviation Collectables Company, con i contenuti, come è ormai consuetudine, proposti anche in lingua inglese, ripercorre le tappe salienti del Super Hercules attra¬verso un ricco corredo di fotografie, di patch e di riproduzioni di profili non in scala. Dai primi studi dell’LMAS (Loc¬kheed Martin Aeronautical System) agli inizi degli anni Novanta, ai ritardi del pro¬gramma europeo FLA (Future Large Aircraft), che darà vita all’A400M, e che im¬posero all’Italia la ricerca di un sostituto del C-130H in tempi brevi; sino ai tra¬guardi odierni per numero di ore volate e missioni completate con successo.
Per gli amanti del modellismo una se¬zione del volume è inoltre dedicata alle note per la realizzazione del montaggio in rapporto 1:72 del velivolo con alcune immagini di dettaglio per rendere il risul¬tato ancora più vicino all’originale.

JP4B 2

Come si fa, viene da chiedersi, a scrivere la storia di un aereo appe­na entrato in servizio? In realtà è dall’ormai lontano 2000 che il Loc­kheed Martin C-130J serve con onore nell’Aeronautica Militare ed è il tempo di raccontare una storia già lunga di episodi e di vicende, come ben fa questo libro. Il testo, bilingue, ritraccia le origini e lo svi­luppo dell’ultima versione dello Hercules, il suo impiego fino ad oggi con la 46a Brigata Aerea e, in un capitolo a parte, la versione tanker. Infine, per i modellisti, note tecniche e foto di dettagli. Le 64 pagine del libro sono illustrate da una scelta di foto ricchissima e particolarmente azzeccata e da sei profili a colori. Un libro, sotto tutti i punti di vista, centrato e realizza­to in modo impeccabile.

AD_01_01

Il team che fa capo alla collana “Italian Aviation Se­ries” è diventato una certez­za nell’editoria specializzata nazionale, per la puntualità con la quale rilascia le pro­prie pubblicazioni e l’eccel­lente livello qualitativo della collana sotto tutti i punti di vi­sta: precisione dei testi, qua­lità delle immagini, cura dei disegni e della grafica. Come è noto, la collana è incentrata su tutti quegli aerei che hanno fatto grande l’Ae­ronautica Militare, soprattutto per quanto riguarda l’ultimo mezzo secolo di attività. Do­po il “Tornado” IDS/ECR, l’AMX “Ghibli”, l’F-16 ADF (li­mitatamente al suo breve soggiorno nella nostra nazio­ne, a fare da “trait d’union” tra l’F-104S e il “Typhoon”) ed il G.222, è ora la volta di un al­tro aereo che, come il già ci­tato F-16, non è soltanto ita­liano e costituisce da tempo un punto di forza di alcune tra le maggiori aviazioni del mondo, ma certamente ha scritto pagine importanti nel­la storia dell’AM: si tratta del quadrimotore da trasporto “Hercules”. Ciò che sorpren­de, però, è che la trattazione abbia scelto di focalizzarsi solo sul C-130J “Super Her­cules”, senza prendere in esame, se non per minime menzioni di carattere storico, anche la variante H, che pure ha avuto la sua importanza in Italia. Prevediamo, quindi, un prossimo fascicolo dedicato interamente proprio al C-130H. Come avvenuto anche per i precedenti titoli della collana, anche questo fasci­colo è il risultato di una lavo­ro di squadra: qui troviamo Marco Rossi per i testi, Mau­ro Cini per i disegni, Claudio Col per la traduzione in ingle­se e le note per i modellisti e Federico Anselmino per l’im­paginazione.

Sezione

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere contenuto qui.

T-33A/RT-33A

Leggi le recensioni

AER

Iniziata quasi in sordina come prosecu­zione di un’attività rivolta all’oggettisti­ca, ai distintivi e alle stampe di velivoli, la collana di monografie aeronautiche della Aviation Collectables Company ha rapi­damente accelerato il proprio ritmo, arricchendosi di numerosi titoli dedicati ai velivoli postbellici o contemporanei trascurati da altre iniziative analoghe. La formula prevede un testo bilingue, ampia copertura fotografica, note modellistiche (con dettagli fotografici e un originale sistema di indicazioni coloristiche, scritte direttamente su alcune foto), profili a colori (ma non disegni tecnici). Nel caso del biposto Lockheed, utilizzato come addestratore (a partire dal 1954) e quindi passato alle squadriglie collegamenti (fino al 1982), la monografia propone Immagini in gran parte di origine spotteristica o privata (dunque inedite e “puli­te”, anche se talvolta ripetitive nelle inquadrature) che Illustrano l’uso presso reparti grandi (compreso il 2* Stormo) e piccoli (Gruppo Standardizzazione Nazio­nale). Tra le curiosità, l’esemplare civile statunitense presente a Torino nel 1973-77 per esperimenti di pioggia artificiale. Molto buona la carta e la qualità tipo­grafica. Nel complesso, un’iniziativa vali­da e senz’altro destinata a crescere.

AD_01_01

Il team formato da Federico Anselmino e Giancarlo Gastal­di per la stesura del testi, da Mauro Cini per i disegni e il progetto grafico e da Claudio Col per le traduzioni in inglese. le note per i modellisti e il con­tributo alla grafica, sta diven­tando sempre più prolifico e ormai la loro collana intitolata “Italian Aviation Series” è una certezza consolidala per tutti Quegli appassionati desidero­si di conoscere nel dettaglio gli aeromobili che hanno “in­dossato” il disco tricolore dell’AM nel dopoguerra. Dopo il Panavia “Tornado” nelle versioni IDS (Interdiction/Strike) ed ECR (Electro­nic Combat/Reconnaissance). l’AMX “Ghibli” (un aereo da attacco leggero, ricogni­zione e interdizione tattica). l’F-16 ADF (Air Defence Fighter) e il bimotore da trasporto G.222, questa vola il quartetto Anselmino – Gastaldi – Cini – Col decide di fare un grosso salto indietro e dedicare le proprie pagine a un modello che non solo merita di essere ricordato come primo adde­stratore avanzalo a getto ita­liano, ma che ricopre un ruolo fondamentale nella storia ae­ronautica mondiale: stiamo parlando del T-33A “Shooting Star” e della variante da rico­gnizione RT-33A, derivati dal Lockheed F-80C. il primo ae­reo a reazione prodotto in grande serie negli USA. Furo­no centinaia i piloti italiani che conquistarono la loro qualifi­ca volando sul T-33 e, quan­do fu assegnalo alle Squadri­glie Collegamenti, quest’ae­reo visse una seconda giovi­nezza; fu il primo esemplare preso in carico dall’Aeronauti­ca Militare fu consegnato nel luglio del 1952 e la radiazione avvenne nell’aprile del 1982. dopo 30 anni esatti di carrie­ra, con la donazione dell’ultimo esemplare rimasto alle “Frecce Tricolori”.

IMG_0001

Another Bilingual text book, this time in Italian and English and split somewhat differently, as the narrative places (the two languages side by side throughout). Providing a brief introduction to the T-33’s development, this title focuses on its service with the Italian Air Force and includes dozens of fascinating previously unpublished images. Loaded with profiles, complete with a section dedicated to painting and modeling the Italian T-33A and RT-33A, this is a must have for any fan of the type, looking for markings options outside of the usual USAF fayre.

AIRFIX

A refreshing look at a familiar type is the best way to describe this bilingual title. While the story of the Shooting Star will be familiar to many, the type’s service within the Italian Air Force has until now remained relatively unknown. Crammed within these 65 pages are ali the facts about the Shooting Star; fortunately the author has not dwelled too long on the T-33’s development. This is restricted to just eight pages and is quickly followed by the ‘rea! gems’ within the book…that of its entry into and service in Italy. For a mere trainer it’s evident that the Italians liked to photograph their aircraft and there’s a wealth of images, of which many have not been published before. Modelers will enjoy the close-ups of the airframe and throughout, the book is clearly aimed at both the aircraft enthusiast and those with kit-building in mind. Within the title are eight colour profiles, among which the RT-33As certainly capture the eye. The text is very informative and lists serials, squadrons and, in some cases, the pilots. I like the way the author has included original Lockheed pilots’ handbook pages to illustrate a point. The book concludes with a chapter devoted to making the 1/72 Heller T-33A/ RT-33A; the author provides the necessary notes to ensure the model will be as accurate as possible, although it would have been good to include a sequence of images for the reader to follow during the building process. For those who are fans of the Italian Air Force, of which there are many, l’d certainly recommend this title.

G.222

Leggi le recensioni

RA_01

Ancora una monografia riguardante l’Italian Aviation Series e precisamente il G.222, l’ultimo progetto a portare la firma dell’ing. Giuseppe Gabrielli e uno dei velivoli che ha rappresentato la colonna portante dei Gruppi da trasporto dell’Aeronautica Mili­tare. Sebbene non particolarmente accatti­vante dal punto di vista del progetto gra­fico, non proprio il punto di forza di tutte le monografie di questa serie, il lavoro di Fe­derico Anselmino e Giancarlo Gastaldi è si­curamente apprezzabile per i contenuti, come sempre proposti anche in lingua in­glese. Le numerose fotografie a corredo, poi, impreziosiscono ulteriormente l’opera. Quella del “Gigione”, così era af­fettuosamente chiamato il G.222, è una storia che parte da lontano, precisamente dai primi anni Sessanta, quando venne emessa la specifica NBMR4(NATO Basic Military Requirement) per un velivolo da trasporto di tipo S/VTOL (Short/Vertical Take Off and Landing) che rispondesse a determinate caratteristiche, riviste al ribasso dall’Alleanza Atlantica dopo aver constatato la difficoltà delle in­dustrie dell’epoca a realizzare un velivolo del genere. Partendo dall’ultima specifica, la NBMR 22, la Fiat presentò il progetto G.222 “Cervino”: la lettera “G”stava a indicare l’iniziale del cognome dell’ing. Gabrielli, il primo “2” si riferiva alla formula del bimotore e il 22 finale richiamava la specifica della NATO. L’Aeronautica Militare si vide assegnare il primo I esemplare di G.222 il 21 dicembre del 1971: era il prototipo NC.4001, MM582, codici RS-06 e nominativo I radio “Spera 06”. Ovviamente fu I preso in carico dal 3110 Gruppo del : Reparto Sperimentale di Volo per l’effettuazione dei test necessari alla “validazione” dell’aeroplano. Da quel mo-1 mento è iniziata la meravigliosa av­ventura del “Gigio”al servizio dell’Ae­ronautica Militare, che lo impiegò anche nei ruoli radiomisure e guerra elettronica. Meravigliosa avventura che si è conclusa sotto le insegne dell’8° Gruppo del 140 Stormo di Pratica di Mare, dopo aver avuto il “privilegio” di partecipare come unico velivolo italiano per la ricognizione elettronica all’Ope­razione “Unified Protector” contro la Libia del Colonnello Gheddafi. Il 12 di­cembre 2012, dopo più di 40 anni di ono­rato servizio, che lo hanno portato a sol­care i cieli dì tutto il mondo, il G.222 si è fatto da parte, lasciando il posto a un altro velivolo tutto italiano: il C-27J “Spartan”.

SAMI

Another interesting subject for the library. This medium-sized transport has been nicely kitted by Italeri and is well worth a look if you like contemporary aviation but are weary of the F-16. The book is bi-lingual throughout – English and Italian – and provides plenty of useful views both inside and out, a development and service ?flH history, and some excellent colour profìles. A nicely produced monograph and a good introduction to an aircraft that deserves a little more attention.

IMG_0001

Its design dating back to a NATO specification for a multi-role transport aircraft, the G.222 made its first flight in July 1970 and was in flight testing by July 1971.This lavishly illustrated book uses 113 colour and black & white photographs plus color profiles to examine the triumph of the Italian aviation industries’ combined efforts. Covering the design and development stages through the civilian and Italian military service, the title is rounded out with modelers’ notes {including an examination of the 1:72nd scale Italeri kit), technical data and a color guide. Italian / English Publication

AD_01_01

Abbiamo ormai imparato a conoscere il marchio Aviation Collectables, un’editrice spe­cializzata in agili e compatti fascicoli evidentemente con­cepiti per essere raccolti, tut­ti insieme, in grandi collezio­ni. Sotto quest’etichetta, un team ormai consolidato, co­stituito da Federico Anselmino e Giancarlo Gastaldi per la stesura dei testi, da Mauro Cini per i disegni e il progetto grafico e da Claudio Col per le traduzioni in inglese, le no­te per i modellisti e il contri­buto alla grafica, si è da tem­po specializzato in una colla­na dedicata agli aerei che in tempi moderni hanno presta­to servizio con i colori della nostra Aeronautica Militare. In questa serie abbiamo già incontrato il Panavia “Torna­do” nelle versioni da attacco (IDS, Interdiction/Strike) e da ricognizione e guerra elettro­nica (ECR, Electronic Combat/Reconnaissance), l’aereo da appoggio tattico AMX “Ghibli” ed il caccia F-16 ADF (Air Defence Fighter), un ae­reo che, seppur per un breve periodo e come soluzione di ripiego, ha svolto compiti im­portanti nella difesa italiana. Il protagonista di questo nuovo numero è il G.222, na­to sotto i marchi FIAT e Aeritalia e ultimo “gioiello” uscito dalla matita dell’ing. Giusep­pe Gabrielli; un aereo a suo modo straordinario per l’ec­cellente robustezza, la ma­novrabilità senza pari, la ca­pacità di operare in qualsiasi condizione decollando da pi­ste corte e semipreparate e per la sua versatilità di utiliz­zo. Qui ne troviamo tutta la storia, dai primi abbozzi fino all’intera vita operativa. Dalla base del G.222 deri­va il moderno C-27J “Spartan”, per il quale ci auguria­mo che presto Anselmino, Cini, Col e Gastaldi realizzino un’opera dedicata.

F-86K

Leggi le recensioni

SAMI

Another title from this Italian source, the F-86K was the NATO version of the F-86D Sabre, and as over 200 of them were built by Rat, it is an eminently appropriate subject for this series. As with the AMX book, it is a dual-language Italian-English publication, including nearly sixty photographs, accompanied by profiles, patches, and modelers’ notes. The Sabre’s Italian service is not widely covered, and this book certainly opens some interesting avenues for modelers, and with some excellent period images it is an highly enjoyable and atmospheric read – with some stunning air-to-air photographs in particular. Highly recommended, and we look forward to more from this series

Cent’anni di Aviazione Navale

Leggi le recensioni

SAMI

Nicely presented, bilingual Italian and English, and presented in full colour throughout, this book takes a close-up look at the Italian Naval air arm in its 100th year. While the photography focuses largely on current material, it nevertheless takes a look back at the history and equipment of the various units, and includes some interesting sections on early helicopter types and operations. Maritime aviation did feature in the early years, with Macchi flying boats and various other types seeing service, but the meat of the book covers aviation in the postwar period, and this it covers very well. Recommended to the enthusiast -especially if rotary wings are your thing.

head02

Il libro “Cent’anni di Aviazione Na­vale” è stato scritto con la collabora­zione della Marina Militare in occa­sione dei 100 anni dell’Aviazione Navale in Italia e presentato durante la cerimonia ufficiale di que­sto importante evento avvenuta nella base di Maristaer di Grottaglie (TA), alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina. Amm. di Squadra Giuseppe De Giorgi e del Comandante delle Forze Aeree della Marina, Amm. di Divisione Paolo Treu, che ha anche scritto la prefazione dell’opera, ringraziando “con sincera gratitudine….” l’autore per questa sua “spontanea e fervente pas­sione. ..”. Il volume, nei suoi 28 capitoli, illustra la storia dei “ma­rinai con le ali”, dal pioniere Mario Calderara fino ai programmi futuri quali l’introduzione degli UAS e del nuovo F-35 “Lightning II”. Ad ogni Base e ad ogni Reparto è dedicato un capitolo di ap­profondimento, mentre le utili appendici finali illustrano i dettagli tecnici degli aeromobili e delle navi dotate di ponte di volo. La parte iconografica è corredata da diverse foto inedite recuperate nelle varie basi e presso l’Ufficio Storico della Marina, mentre pa­recchie di quelle attuali sono state fatte dall’autore durante i voli che ha effettuato con gli elicotteri della Marina. Tutte le informa­zioni sui velivoli e sulla storia dei Reparti sono state raccolte du­rante le visite nelle basi che l’autore ha potuto fare grazie ad uno speciale permesso accordatogli dallo Stato Maggiore della Marina. Affascinante ed interessante è stata anche la visita a bordo della portaerei Cavour, nave ammiraglia della nostra flotta, dove ha po­tuto assistere al decollo verticale degli aerei Harrier e ad un eli­sbarco di truppe della brigata anfibia San Marco. Completano la parte illustrata dieci profili degli aeromobili, men­tre la parte araldica proviene interamente dalla collezione dell’au­tore, che da più di 25 anni si dedica alla ricerca di questi stemmi e che ad oggi, nella sua teca, ammontano a più di 4.000. Il testo è re­datto bilingue italiano/inglese. Il volume, a cui l’autore ha dedicato parecchi mesi di lavoro durante il proprio tempo libero, è il terzo in ordine di tempo scritto dall’autore, dopo quello “Aviazione dell’Esercito-Araldica e Storia” pubblicato in occasione dei 50 anni di questa Specialità del nostro Esercito ed il successivo “Storia e Araldica del Comando Squadra Aerea” presentato in occasione de­gli 85 anni dell’Aeronautica Militare.

AMX

Leggi le recensioni

AD_01_01

Semplicità concettuale e ro­bustezza sono le principali doti che hanno caratterizzato, nel corso dell’ormai trentenna­le carriera, l’aereo da attacco al suolo ed appoggio tattico AMX “Ghibli”, frutto di una specifica italo-brasiliana se­guita nel nostro paese da Aeritalia ed Aermacchi (oggi Alenia Aermacchi) e per la na­zione sudamericana da Embraer. Un aereo nel quale in­giustamente all’inizio sono stati in pochi a credere e che ha dovuto conquistarsi la fidu­cia dei suoi utenti per dimo­strare la propria validità. Que­sta storia, che costituisce uno dei più importanti capitoli dell’industria aeronautica italiana del dopoguerra, è ricostruita in modo eccellente dai due autori Federico Anselmino e Giancarlo Gastaldi, che nella stesura del testo hanno potuto contare sulla valida collabora­zione di Claudio Col (per la traduzione in inglese e le note modellistiche) e di Mauro Cini (per i profili). A cura di Ansel­mino, Cini e Col è anche il progetto grafico. Nella fedele ricostruzione delle vicende storiche dell’AMX, dalla gestazione all’upgrade denominato ACOL (Aggiornamento Capacità Operative e Logistiche), dall’impiego con l’AM alla ripro­duzione delle varie livree e “special colors”, emerge, accanto alla competenza del team di autori e realizzatori dell’opera, anche una sincera passione e persino un pizzico di rimpianto verso un aereo nel quale sarebbe bastato, come si legge dalle prime ri­ghe, “osare” e investire un po’ di più per farne una macchina senza precedenti sul piano tecnologico a livello mondia­le. Ma, pur frutto di un budget limitato, il “Ghibli” si è rivelato, nei più svariati contesti, un aereo efficiente e versatile che molti hanno apprezzato.

JP4B 2

L’AMX è uno degli aerei in servizio più trascurati dalla stampa specia­lizzata nonostante sia attualmente impiegato con successo su un tea­tro difficile come quello afgano. Un libro dedicato al piccolo caccia di casa nostra è quindi benvenuto, specialmente se ben fatto e ben stampato. La tipica livrea grigia del-l’AMX in servizio ha lasciato spazio solo in poche occasioni a colorazio­ni speciali ma queste sono tutte pre­sentate sul libro a partire dalla livrea sperimentale per operazioni su neve fino alla splendida mimetizzazione tip Seconda Guerra Mondiale ap­plicata nel 2006 per il 70° anniver­sario del 32° Stormo, completa di numero individuale rosso e di croce bianca sulla deriva. Con il testo ridotto per ragioni di spazio per la formula bilingue, il li­bro di 64 pagine si rivolge soprattut­to al pubblico dei modellisti per i quali le oltre 120 foto ed i sei profili costituiscono una base di riferimen­to sicura. Ma l’AMX è stato trascura­to anche a livello modellistico e gli autori hanno rintracciato un solo modello, della polacca Warrior Mo­del, che richiede una certa dose di lavoro per ottenere un risultato pie­namente soddisfacente. L’ultimo ca­pitolo è così dedicato alla realizza­zione del modello con il dettaglio degli interventi di modifica, una ta­bella dei colori ed una guida al cru­scotto.

SAMI

This is a new source for these pages, and one that we look forward to seeing more of, as the first samples of their books received have been singularly impressive. This particular title covers one of the most unsung aircraft of the modem area, the AMX International, a type scarcely kitted in any scale, and a major gap in the collections of many. Fortunately this drought is set to end, and with kits on the horizon this book is very welcome. The AMX is a ground-attack aircraft designed for dose air support and reconnaissance missions. It was built up until 1999 by AMX International, an Italian-Brazilian joint venture, and is designated the A-1 by the Brazilian Air Force. The AMX is capable of operating at high subsonic speed and low altitude, by day or night, and if necessary, from bases with poorly equipped or damaged runways. Italian aircraft have operated over both Libya and Afghanistan in recent years, and while it may have crept ‘under the radar’ as far as many of us are concerned it is, nonetheless, a charismatic and relevant small jet type that deserves some closer attention. This title takes a dose look at the aircraft, and the Italian/English language text offers chapters on development and operations, covering the aircraft’s service to date comprehensively with a great many excellent photographs, and seven color profiles. Over 100 color photographs are accompanied by unit patches, diagrams, modelers’ notes and a list of serials. This is currently the definitive book on the type, and is an essential addition to any library of contemporary aviation.

AER

Dopo Tornado IDS-ECR e F-16A Air Defence Fighter, la Aviation Collecta­bles Company presenta il terzo fasci­colo della collana “Italian Aviation Series”, dedicato questa volta all’AMX, velivolo monomotore da attacco e ri­cognizione ancora in servizio con l’Ae­ronautica Militare. Questa pubblicazione, realizzata sempre da più autori, ricalca perfetta­mente l’impostazione delle due prece­denti, ripercorrendo le tappe salienti del “Ghibli”, nickname attribuito al velivolo negli anni Novanta, dalle ori­gini ai giorni nostri. Era il 29 maggio del 1989 quando l’esemplare MM7091 fu preso in ca­rico dal 3110 Gruppo del Reparto Spe­rimentale Volo, per iniziare quello che sarebbe stato, nonostante qualche piccola difficoltà, un lungo percorso operativo con l’Aeronautica Militare. Da allora, il “Topone”, così era sim­paticamente chiamato l’AMX per via del radome nero e delle prese d’aria laterali che, visti frontalmente, ricor­dano il musetto di un topo, ha operato con il 2°, 3°, 51° e 32° Stormo. Il volume, completamente bilingue, italiano-inglese, affronta con un ca­pitolo dedicato l’impiego bellico del piccolo cacciabombardiere, iniziato nel 1993 sulla Bosnia con l’opera­zione “Deny Flight” e ancora in corso in Afghanistan con il Task Group “Black Cats”, nell’ambito della mis­sione ISAF (International Security Assistance Force), senza, ovvia­mente, tralasciare le recenti attività sulla Libia, che hanno portato gli AMX ACOL (Aggiornamento Capacità Operative e Logistiche), a fornire il proprio, importante contributo in “Unified Protector”. Interessante, per gli amanti del genere, una corposa se­zione dedicata alle note modellistiche per ricostruire in scala 1/72, questa la scelta degli autori, l’esemplare MM7191, codici 51-34, basato a Herat nell’ottobre del 2011. Per una pubbli­cazione del genere, certamente, è d’obbligo un ricco “corredo” iconogra­fico: 120 fotografie, quasi tutte a co­lori, 28 riproduzioni di patch e sette profili esatti nel disegno e nei parti­colari contribuiscono a rendere la let­tura più scorrevole e interessante. A queste si aggiungono tabelle che riportano dati tecnici, armamenti e tutte le matricole dei velivoli dall’Ae­ronautica Militare. Insomma, seppur con qualche piccola imprecisione, AMX Ghibli può rappresentare un ot­timo punto di partenza per conoscere meglio quello che gli autori stessi hanno definito un «velivolo contro­verso».

Volare_01

Certo, non è uno di quegli aeroplani di cui ci si possa innamorare a prima vista, ma alla fine (a trent’anni dall’inizio del programma] l’AMX il suo mestiere lo fa, e bene. Almeno dal 2007, anno in cui sono “rientrati” in servizio gli esemplari aggiornati allo standard ACOL (Adeguamento capacità operative logistiche]. E lo dimostrano i risultati ottenuti nei rischieramenti all’estero per impegni internazionali (Afghanistan). Al caccia tattico sviluppato da Alenia, Aermacchi e Embraer all’inizio degli anni Ottanta è dedicata una monografia di Aviation Collectables Company, che ripercorre tutte le fasi dello sviluppo del progetto, della sua evoluzione, dell’impiego operativo. La dettagliata descrizione di impianti e sistemi è accompagnata da una messe di immagini a colori e da una serie di profili. Come sempre, le ultime pagine sono dedicate agli aeromodellisti: consigli di montaggio, dettagli di costruzione, “segreti” per rendere i pezzi il più simile possibile agli originali.

AIRFIX

The AMX aircraft has always been a controversial aircraft in the eyes of the Italians. The result of a rather generic and simplistic request, where cost-awareness seemed to prevail over performance and potential benefits to the Air Force itself and the aeronautical industries, the AMX has not always received the attention and praise it deserves. It may be true that installing the Rolls-Royce Spey engine and not to use a modem radar for navigation and attack sometimes hampered the performance and flight characteristics. It is also certain that, once installed with upgraded avionic equipment and a full weapon load, the AMX is now viewed as an excellent attack aircraft, well able to perform its assigned tasks: tactical support to ground troops, Night attack and reconnaissance. There have been no NATO exercises where the AMX has not proved its capabilities in a worthy fashion, and the type is now viewed as an integral part of any deployment of Italian Air Force assets. With such a record it’s surprising that it has taken this long for a soft-back title to be published on this remarkable aircraft. The dual-language text is split between Italian and English and begins with the development and prototype testing of the AMX, through to its entry into service with the Italian Air Force and later combat deployment to Afghanistan and flying alongside the USAF’s aircraft in Exercise Red Flag. As a modeler there’s everything one needs here. Pin-sharp images, probably some of the best profile artwork being produced, a modeling guide which explains how to make a good 1/72 AMX and a double-page spread of walk-around images. Simply a brilliant and great value reference title.

F16

Leggi le recensioni

JP4B 2

Primo libro dedicato all’F-16 Fighting Falcon italiano, un aereo in­terinale, introdotto in servizio per riempire il vuoto fra l’uscita di scena dell’F-104 ASA e l’arrivo dell’Eurofighter, e destinato a sua volta a la­sciare il servizio a metà 2012. Que­sto valido lavoro di 64 pagine, con un testo in italiano e inglese, neces­sariamente breve ma completo, pre­senta brevemente la genesi dell’F-16, il suo servizio italiano, il pro­gramma Peace Caesar, l’impiego con il 5° Stormo a Cervia e con il 37° Stormo a Trapani Birgi, fino all’intenso ma incruento impegno bel­lico nella missione “Unified Protector” nel cielo della Libia. Il libro of­fre tutti gli “assetti” di prammatica: una gran quantità di foto di ottima qualità, in buona parte nuove per noi, e con illustrate le numerose li­vree speciali, note modellistiche, elenco delle matricole e sei profili a colori. Ottima la grafica e la qualità di stampa.

Volare_01

Il panorama editoriale aeronautico italiano si è arricchito di recente di due nuovi titoli e, soprattutto, di un nuovo editore. Si tratta, in entrambi i casi, del frutto del lavo­ro di tre appassionali torinesi, già attivi collaboratori di testate spe­cializzate o impegnati in campo grafico. Di qui alla produzione completa il passo è stato breve. I primi due titoli sono dedicati agli aerei da combattimento oggi in linea nell’Aeronautica Militare. L’approccio è quello ormai classico per le monografie, con un testo bilingue italiano/inglese (peraltro perfettibile) che funge da asse por­tante per le fotografie, qui sempre a colori grazie al periodo trattato. In più vi sono l’appendice modelli­stica, i profili a colori (ma non un disegno tecnico), i distintivi dì stoffa (“patch”). Il testo è aggiorna­to agli eventi più recenti, anche con spunti meno noti, e tra le foto­grafie non mancano le sorprese quali gli F-16ADF restituiti agli USA e tornati nel deposito di Davis-Montan dal quale furono estratti per essere noleggiati all’Ita­lia. Ampia la documentazione di livree speciali e commemorative. Nel complesso si tratta di buoni prodotti commerciali, ben costruiti sulle esigenze del pubblico di rife­rimento.

AER

Il secondo volume della collana “Italian Aviation Series” della casa Editrice “Aviation Collectables Company” è dedi­cato al velivolo F-16 nella verone ADF (Air Defence Fighter ) In servizio presso l’Aeronautica Militare. Il progetto, ed è questo il valore aggiunto del lavoro, traccia un percorso innovativo tra le pubblicazioni specia­lizzate in Italia e affronta, per la prima volta, le vicende relative alla decisione di Forza Armata di dotarsi del caccia statunitense per la Difesa Aerea nazio­nale, In attesa della transizione sull’Eurofighter 2000. Si tratto di una scelta molto impor­tante che ha consentito ai reparti dell’A.M. Un vero e proprio salto di qualità rispetto alle versioni aggiornate, ma ormai obsolete, degli Starfighter. Tutto questo gli autori riescono a fornire una visione d’in­sieme, un percorso lineare all’insegna della chiarezza, mettendo in luce, a par-lire dalle origini e dai successivi sviluppi della macchina, i parametri del con­tratto di cessione temporanea FMS (Foreign Military Sale) fra il nostro Paese e gli Stati Uniti, un pacchetto che pre­vedeva in origine il raggiungimento di 45 mila ore di volo complessive, con una media di 43 sortite minime giornaliere da effettuarsi a partire dal 2003 e fino al 2010 utilizzando 34 esemplari di F-16 Fighting Falcon nella versione ADF. Alla prova dei fatti, il velivolo, destinato a equipaggiare il X e il 18° Gruppo del 37° Stormo di Trapani Birgi e il 23° Gruppo del 5° Stormo di Cervia, dopo il ritiro degli F-104 e dei Tornado F.3. e stato per quasi due anni l’unico mezzo in grado di garantire il SSA (Ser­vizio di Sorveglianza degli Spazi Aerei) con cellule di QRA (Quick Reaction Alert) 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno. A oggi, dopo il prolungamento del programma lino al 30 giugno 2010 solo il 18° Gruppo del 37° Stormo è an­cora equipaggiato con gli ultimi F-16 ADF con cui ha partecipato alle opera­zioni durame i giorni della crisi libica. Il volume, completamente bilingue italiano-inglese, non si limita ad analizzare gli avvenimenti principali della lunga storia del Fighting Fal­con ma contiene, infatti, più di 120 fo­tografie a colori. Oltre a riproduzioni di patch oltre allo spaccalo del motore, due pagine centrali con sei profili esatti nel disegno e nei particolari, sezioni dedicate alle note modelli­stiche, alle caratteristiche tecniche, agli armamenti e ai numeri di ma­tricola militare. Tutto questo lo rende un ottimo testo di riferi­mento che cerca di soddisfare tutte le curiosità del lettore.

Volare_01

È rimasto in linea solo nove anni, ma è entrato nel cuore degli italiani come se fosse stato in servizio per diversi lustri. È l’F-16A/ADF, la versione da difesa aerea del caccia leggero Lockheed Martin, che l’Aeronautica Militare ha “affittato” dal governo Usa in 34 esemplari, dal 2003 al 2010 (poi rimasti fino al 2012) per riempire il vuoto creato dal ritardo del programma Eurofighter. Gli ultimi hanno lasciato l’aeroporto di Trapani il 28 maggio, decretando la fine dell’era dei Viper italiani.

Questo volume, che ripercorre tutte le tappe del programma industriale e dell’impiego del caccia in Italia, ha testo bilingue italiano/inglese e un ricchissimo corredo fotografico, cui si aggiungono disegni di profili a colori, note e dettagli per i modellisti. Per gli appassionati ci sono anche l’elenco delle matricole attribuite agli esemplari dell’AM e le tabelle di caratteristiche e prestazioni e degli armamenti.

TORNADO

Leggi le recensioni

…in decollo con il Panavia Tornado dell’A.M.I.
Nel pur vasto orizzonte, nazionale ed europeo, dell’editoria specializzata aeronautica ha spiccato il volo una nuova, pregiata ed eccellente realtà : “Aviation Collectables Company”. Ideatori ed ispiratori della scintillante e policroma pubblicazione tre autentici appassionati del volo e dell’aviazione civile e militare: Federico Anselmino , Mauro Cini e Claudio Col. Il loro primo obiettivo, ampiamente centrato, è costituito da vaste ed approfondite ricerche storiche e bibliografiche che con un esauriente excursus, eccezionalmente dettagliato, illustra uno dei più ed affermati prodotti dell’industria nazionale ed europea: il “Tornado IDS – ECR”. La completezza della pubblicazione, ricca di 64 pagine magistralmente illustrate e commentate, fa sì che qualsiasi appassionato o cultore, di volo e di aviazione, troverà, nelle ampie schede descrittive, ogni risposta alle proprie curiosità d’indagine conoscitiva sullo sviluppo, realizzazione ed impiego del famoso “Tornado” che ancor oggi, e per ancora lunghi anni, costituisce una irrinunciabile struttura portante della nostra difesa aerea nazionale. L’impegno editoriale assunto dai succitati “esperti ricercatori/aviatori” è molto ambizioso e riguarderà, nei prossimi, mesi l’uscita di altre simili pubblicazioni che si interesseranno di tant’altri famosi velivoli che hanno efficacemente contribuito all’affermazione, in tutto il mondo, dell’aviazione operativa militare. Ci riferiamo ai velivoli F-86E, F-86K, F-84G e RF/F-84F, T-33 e RT-33, Vampire, F-104G, G.91R/T ,PAN MB.326, MB.339, C-119, C-47, C-45, SM.79, SM.82, G.12 e G.212, che prodotti in migliaia di esemplari hanno equipaggiato le Forze Aeree di decine di paesi in ogni continente. La precisa traduzione –a fronte pagina – in lingua inglese, inoltre, conferisce alla pubblicazione uno speciale pregio in quanto la rende fruibile a tutta la vastissima platea di cultori del volo sparsa in tutto il mondo. La breve recensione di questa eccellente pubblicazione è stata agevole e rapida perché altrettanto fluida ne è stata la gradevole lettura con lo sguardo che si smarrisce fra foto rare ed inedite, e la limpida narrazione della genesi aeronautica-industriale di un prestigioso velivolo che ha volato e vola con le coccarde Italiane

Gen.le (Pil. Civ.) Giuseppe Lenzi
già Responsabile P.R. 313° Gr.A.A. “Frecce Tricolori”
lenzi

JP4B 2

Abbiamo ormai imparato a conoscere il marchio Aviation Collectables, un’editrice spe­cializzata in agili e compatti fascicoli evidentemente con­cepiti per essere raccolti, tut­ti insieme, in grandi collezio­ni. Sotto quest’etichetta, un team ormai consolidato, co­stituito da Federico Anselmino e Giancarlo Gastaldi per la stesura dei testi, da Mauro Cini per i disegni e il progetto grafico e da Claudio Col per le traduzioni in inglese, le no­te per i modellisti e il contri­buto alla grafica, si è da tem­po specializzato in una colla­na dedicata agli aerei che in tempi moderni hanno presta­to servizio con i colori della nostra Aeronautica Militare. In questa serie abbiamo già incontrato il Panavia “Torna­do” nelle versioni da attacco (IDS, Interdiction/Strike) e da ricognizione e guerra elettro­nica (ECR, Electronic Combat/Reconnaissance), l’aereo da appoggio tattico AMX “Ghibli” ed il caccia F-16 ADF (Air Defence Fighter), un ae­reo che, seppur per un breve periodo e come soluzione di ripiego, ha svolto compiti im­portanti nella difesa italiana. Il protagonista di questo nuovo numero è il G.222, na­to sotto i marchi FIAT e Aeritalia e ultimo “gioiello” uscito dalla matita dell’ing. Giusep­pe Gabrielli; un aereo a suo modo straordinario per l’ec­cellente robustezza, la ma­novrabilità senza pari, la ca­pacità di operare in qualsiasi condizione decollando da pi­ste corte e semipreparate e per la sua versatilità di utiliz­zo. Qui ne troviamo tutta la storia, dai primi abbozzi fino all’intera vita operativa. Dalla base del G.222 deri­va il moderno C-27J “Spartan”, per il quale ci auguria­mo che presto Anselmino, Cini, Col e Gastaldi realizzino un’opera dedicata.

Volare_01

Ennesimo fascicolo che ripercorre la storia dello sviluppo, dell’entrata in servizio e dell’impiego operativo del Panavia Tornado (con le due versioni IDS ed ECR e un breve accenno alla ADV avuta in leasing dalla RAF) presso l’Aeronautica Militare Italiana. Ricca di immagini sia originali sia di fonte tradizionale (Aeronautica Militare. Panavia, Alenia), l’opera offre una grande quantità di informazioni dettagliate (soprattutto per quanto riguarda la colorazione dei diversi esemplari) di sicuro interesse per gli appassionati, ma anche per i modellisti ai quali sono inoltre dedicati la nota, i dettagli costruttivi e le specifiche dei colori (pagine 58-63) nonché i disegni di Mauro Cini, pubblicati al centro del fascicolo.

AD_01_01

L’opera di Anselmino, Cini e Col (quest’ultimo ha curato anche la traduzione in ingle­se) ripercorre, anche con l’ausilio di abbondante mate­riale iconografico, la storia del programma militare europeo MRCA (Multi-Role Combat Aircraft), da cui nacque il con­sorzio Panavia, costituito dal­l’italiana Aeritalia (oggi Alenia Aeronautica), dall’inglese British Aerospace (oggi BAE Sy­stems) e dal gruppo tedesco Messerschmitt-Bòlkow-Blohm (o MBB, poi EADS ed oggi Cassidian) che portò al Mo­del 200 “Tornado”. Per scelta degli autori, il li­bro si focalizza sulla versione da attacco al suolo (IDS, Intderdiction/Strike) e su quella da ricognizione e guerra elettronica (ECR, Electronic Combat/Reconnaissance) dell’aereo, evitando di soffer­marsi sulla variante per su­periorità aerea (ADV, Air Defence Variant) che ebbe mi­nor fortuna rispetto alle altre ed una carriera più breve e meno intensa. Nel corso del testo incon­triamo le origini del program­ma, le percentuali di coinvol­gimento da parte delle varie nazioni, le prime campagne di volo dei prototipi, la gra­duale integrazione di sistemi d’arma sempre più comples­si, l’impiego in missione (con particolare attenzione all’o­peratività sotto le insegne dell’Aeronautica Militare), i Mid-Life Upgrade (o MLU). L’opera dedica anche mol­ta attenzione ai modellisti ed agli appassionati di memorabilia, con una tavola centrale che ospita le varie livree im­piegate, una pagina sui pat­ch dei vari reparti di volo, ma­teriale fotografico dedicato agli special colors ed un’ap­pendice riguardante le scato­le di montaggio reperibili sul mercato ed un walk-around fotografico con numerosi det­tagli di esterni ed interni.