Mancano pochi giorni al 9 dicembre, quella data è importante perché quel giorno, nel 1951, compì il primo volo G.80, il primo addestratore a reazione italiano.
Benché prodotto a Torino quello storico volo accadde ad Amendola, aeroporto militare dove il prototipo fu trasportato da Torino. La scelta fu obbligata poiché la pista di Torino non era abbastanza lunga per garantire le operazioni con il nuovo aeroplano della FIAT.
La storia del G.80, e della successiva versione migliorata, il G.82, meritano di essere conosciuti. Gli anni cinquanta, in Italia, erano i tempi pionieristici della progettazione dei primi aviogetti, le industrie cercavano di risollevarsi dalle distruzioni della guerra da poco terminata e cercavano mercati per riavviare la produzione. In questo contesto si inquadra l’iniziativa della FIAT, all’epoca guidata dal prof. Valletta, che autorizzò l’ing. Gabrielli al progetto.
Aviation Collectables Company non poteva lasciare che la storia del G.80/G.82 andasse persa nel tempo e nella collana Italian Aviation Series l’importante progetto della FIAT ha trovato il posto che merita con il libro “G.80 / G.82 – il primo addestratore a reazione”.

Federico Anselmino